04 Giugno 2020

L’Amministrazione è tenuta a pubblicare indirizzo PEC nel registro delle PP.AA.

TAR Calabria, sez. I, sentenza 15 aprile 2020, n. 585 (rel. Tallaro)
L’art. 16, comma 12, d.l. 18 ottobre 2012, 179, conv. con l. 17 dicembre 2012, n. 221, stabilisce, al fine di favorire le comunicazioni e notificazioni per via telematica alle pubbliche amministrazioni, che queste comunichino al Ministero della Giustizia l'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a cui ricevere le comunicazioni e notificazioni.
La legge fissava nel 30 novembre 2014 il termine per porre in essere l’adempimento, che è necessario per costituire, a cura del Ministero, un elenco consultabile dagli uffici giudiziari, dagli uffici notificazioni, esecuzioni e protesti e dagli avvocati.
Verificato che all’amministrazione la legge non lascia alcun margine di discrezionalità e che la comunicazione richiede l’utilizzo di minime risorse amministrative, è evidente che l’Amministrazione ingiustificatamente inadempiente ha l'obbligo di provvedere agli adempimenti necessari, ai sensi dell’art. 16, comma 12, d.l. 18 ottobre 2012, 179, conv. con l. 17 dicembre 2012, n. 221, per la pubblicazione dell'indirizzo di posta elettronica certificata a cui ricevere le comunicazioni e notificazioni (nel caso di specie il Tar ha ordinato all'azienda ospedaliera inadempiente di provvedere in tal senso entro 15 giorni dalla comunicazione o notificazione della sentenza).

Allegati