16 Marzo 2020

Proposizione di due domande identiche: nessuna nullità della seconda citazione e litispendenza solo se entrambe iscritte a ruolo

Trib. di Reggio Calabria, sez. I civ., n. 27 settembre 2019, n. 1305 (g. Luppino)
La proposizione contemporanea di più domande aventi il medesimo petitum e la medesima causa petendi non comporta alcun vizio di nullità del secondo atto di citazione (essendo le ipotesi di nullità tassativamente previste dalla legge), ma semmai ha potuto astrattamente comportare una temporanea litispendenza di più cause, che qualora proseguita (ma così non è non risultando che il primo atto di citazione sia mai stato iscritto a ruolo) avrebbe avuto come unico effetto quello della riunione dei due giudizi, in quanto pendenti dinanzi al medesimo ufficio giudiziario, non trovando invece applicazione l’art. 39 c.p.c. che attiene alla diversa ipotesi della pendenza di due cause identiche presso uffici giudiziari diversi.

Allegati