14 marzo 2019

Spese processuali: la soccombenza può essere determinata anche da ragioni di carattere processuale

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 13 marzo 2019, n. 7209 (Rel. Crucitti)
Agli effetti del regolamento delle spese processuali, la soccombenza può essere determinata non soltanto da ragioni di merito, ma anche da ragioni di ordine processuale, non richiedendo l'art. 91 c.p.c., per la statuizione sulle spese, una decisione che attenga al merito, bensì una pronuncia che chiuda il processo davanti al giudice adito, tale dovendosi considerare anche la pronuncia con cui il giudice d'appello rimette le parti davanti al primo giudice per ragioni di giurisdizione ai sensi dell'art. 353 c.p.c. (v. Cass. Sez. Un. n. 583 del 10/08/1999, ribadita, di recente, da Cass. n. 22257 del 13/09/2018).