Regolamento sulla Circolazione di prova dei veicoli

Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 2023 , n. 229 .
Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 2001, n. 474, in materia di semplificazione del procedimento di autorizzazione alla circolazione di prova dei veicoli.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 37 del 2024, il Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 2001, n. 474, in materia di semplificazione del procedimento di autorizzazione alla circolazione di prova dei veicoli.

Sezioni Unite – Travisamento della prova – Rimedi

Corte di Cassazione, Sezioni Unite Civili, sentenza 5 marzo 2024, n. 5792 (rel. M. Di Marzio)

Il travisamento del contenuto oggettivo della prova, il quale ricorre in caso di svista concernente il fatto probatorio in sé, e non di verifica logica della riconducibilità dell’informazione probatoria al fatto probatorio, trova il suo istituzionale rimedio nell’impugnazione per revocazione per errore di fatto, in concorso dei presupposti richiesti dall’articolo 395, n. 4, c.p.c., mentre, ove il fatto probatorio abbia costituito un punto controverso sul quale la sentenza ebbe a pronunciare, e cioè se il travisamento rifletta la lettura del fatto probatorio prospettata da una delle parti, il vizio va fatto valere, in concorso dei presupposti di legge, ai sensi dell’articolo 360, nn. 4 e 5, c.p.c., a seconda si tratti di fatto processuale o sostanziale.

Pignoramento di crediti verso terzi: modifiche al codice di procedura civile

DECRETO-LEGGE 2 marzo 2024, n. 19
Ulteriori disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).
(G.U. n. 52 del 2 marzo 2024)

Le modifiche includono limiti precisi sugli importi dei crediti pignorabili, una regola sulla perdita di efficacia del pignoramento dopo dieci anni e la possibilità per il creditore di mantenere l’efficacia con una dichiarazione di interesse.

Pubblicato in G.U. il regolamento di cui all’art. 10 Legge Gelli Bianco: requisiti minimi delle polizze sanitarie obbligatorie

Decreto Ministero delle Imprese e del Made in Italy 15 dicembre 2023, n. 232

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 51 del 1 marzo 2024 il regolamento recante la determinazione dei requisiti minimi delle polizze assicurative per le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private e per gli esercenti le professioni sanitarie, i requisiti minimi di garanzia e le condizioni generali di operatività delle altre analoghe misure, anche di assunzione diretta del rischio e le regole per il trasferimento del rischio nel caso di subentro contrattuale di un'impresa di assicurazione, nonché la previsione nel bilancio delle strutture di un fondo rischi e di un fondo costituito dalla messa a riserva per competenza dei risarcimenti relativi ai sinistri denunciati.

Sezioni Unite: mediazione obbligatoria solo per l’atto introduttivo (no riconvenzionale)

Cass. Civ., Sezioni Unite, sentenza 7 febbraio 2024, n. 3452 (rel. L. Nazzicone)

La condizione di procedibilità prevista dall’art. 5 d.lgs. n. 28 del 2010 sussiste per il solo atto introduttivo del giudizio e non per le domande riconvenzionali, fermo restando che al mediatore compete di valutare tutte le istanze e gli interessi delle parti ed al giudice di esperire il tentativo di conciliazione, per l’intero corso del processo e laddove possibile.

PrintReleaf – Certificate of Reforestation

Lo Studio Spagnolo & Associati contribuisce attivamente a ridurre il proprio impatto ambientale derivante dalle stampe, aderendo ad un programma di riforestazione con lo smaltimento efficace e controllato dei toner.
In particolare, partecipa alla riforestazione in Tanzania e ottiene l'allegato certificato PrintReleaf.

Produzione documentale – Deposito tempestivo – Contestazione – Indice documenti

Cass. Civ., sez. III, ordinanza 30 gennaio 2024, n. 2772 (rel. E. Scoditti)

Deve ritenersi che non vi sia prova del tempestivo deposito della polizza assicurativa, oggetto di contestazione da parte della compagnia di assicurazione, nel caso in cui manchi l'indice dei documenti sulla copertina del fascicolo di parte, con certificazione sottoscritta dal cancelliere.
La mancanza di un indice dei documenti nel fascicolo di parte impedisce che il deposito possa considerarsi effettuato nelle forme di legge, anche nel caso in cui il documento (nel caso di specie, polizza assicurativa) sia stato successivamente congiunto alla memoria ex art. 183, comma 2, c.p.c., con la dizione "depositato", ma la sottoscrizione del cancelliere sia stata apposta solo in calce all'atto.

Decreto attuativo art. 10 L. Gelli-Bianco

Il Ministro delle Imprese e del Made in Italy, di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell'economia e delle finanze, il regolamento di cui all'art. 10 della Legge n. 24/2017 relativo ai requisiti di garanzia delle polizze assicurative per le strutture sanitarie e gli esercenti le professioni sanitarie.
In allegato, bozza in attesa di pubblicazione in Gazzetta.